Le regole d’oro per l’utilizzo degli apparecchi acustici

Un qualsiasi portatore di soluzioni acustiche vi dirà che all’inizio della sua esperienza le cose da tenere a mente sono state tante.. soprattutto quando parliamo di come indossare gli apparecchi e cambiar la pila! Come per tutte le pratiche, mano a mano che una persona prende mano, le azioni che in partenza sembrano complicatissime, poi diventano abituali. Quindi cosa deve fare abitualmente una persona con i propri apparecchi acustici?

esame-audiometrico

Per coloro che si approcciano per la prima volta a questo mondo, va detto che il dispositivo ha un verso: se è presente il colore rosso, ad esempio su un punto della carcassa o sul ricevitore, vuol dire che va a destra, se invece c’è il colore blu, vuol dire che va a sinistra. È importante non confondere i due versi, perché ogni orecchio ha la sua diversa regolazione, che non va bene per il gemello opposto. Se ci sono dei dubbi, è meglio consultare il proprio Tecnico Audioprotesista di fiducia.

Ogni persona produce, all’interno dei propri canali uditivi, il cerume: non è altro che del materiale prodotto dalle ghiandole sebacee, che serve a proteggere l’orecchio da infezioni e da particelle estranee. Ecco perché spesso si depositano frammenti di tale sostanza sulla chiocciola o sulle cupolette degli apparecchi: a lungo andare questo accumulo può causare l’abbassamento dell’amplificazione della soluzione acustica. Per evitare spiacevoli inconvenienti, basta pulire ogni sera con un fazzoletto di carta non bagnato la parte che va all’interno dell’orecchio. Se però, nonostante si stia utilizzando questa accortezza, il volume dell’apparecchio continua a rimanere basso, allora recatevi nel centro acustico per fare tutte le verifiche del caso.

Attenzione al sudore: coloro che hanno una traspirazione importante, soprattutto in estate, devono avere più cura delle proprie soluzioni. I dispositivi sono costruiti in modo da essere i più impermeabili possibili, ma l’esposizione continua ad acqua in qualsiasi caso li danneggia. Una buona consuetudine durante la stagione calda è mettere ad asciugare gli apparecchi la sera in contenitori appositi con le pastiglie che assorbono l’umidità: tale abitudine garantisce una durata maggiore della vita dei dispositivi. Va specificato però che, in caso di sudorazione eccessiva, sarebbe meglio togliere gli apparecchi e lasciarli asciugare per qualche minuto.

audioprotesistaLa regola più importante, in qualsiasi caso, è far controllare le proprie soluzioni acustiche almeno una volta ogni tre mesi, anche se si pensa di non averne bisogno. Ciò è fondamentale perché in questa maniera si evitano il più possibile guasti dovuti allo sporco penetrato negli apparecchi, e contemporaneamente l’Audioprotesista può verificare i progressi ottenuti.

Le accortezze che i portatori devono tenere non sono molte, ma diventano vitali per la vita dei propri dispositivi. Inizialmente tutte queste azioni possono sembrare difficili, ma ogni persona già abituata vi potrà assicurare che diventano parte del vostro quotidiano.

I nostri Tecnici Audioprotesisti sono sempre a disposizione per qualsiasi chiarimento. Passa a trovarci nelle nostre sedi di Udine e Tarcento! L’arte del sentire è alla portata di tutti!