Quali fattori influenzano la scelta di non acquistare gli apparecchi acustici?

Iniziamo parlando di numeri: secondo le ultimi indagini svolte, circa 7 milioni di persone in Italia soffrono di ipoacusia, ma di queste solo il 25% percento porta almeno un apparecchio acustico. In sostanza, sono poche le persone che, diagnosticata la patologia, cercano una soluzione al problema. Perché siamo così restii nel mettere le protesi acustiche, nonostante ce ne sia bisogno?

 

La prima difficoltà che si incontra è sicuramente a livello estetico. Le persone hanno paura ad indossare gli apparecchi acustici “perché si vedono”: fino a qualche anno fa le soluzioni in commercio erano grandi, brutti e decisamente poco nascondibili; oggi, invece, i costruttori sono riusciti a unire la tecnologia con l’estetica, realizzando dispositivi molto piccoli e discreti.

Per qualcuno però, la difficoltà sta proprio nell’accettare l’ipoacusia: gli apparecchi acustici sono ritenuti un modo antipatico di far vedere alle altre persone che si ha un problema, quindi risulta più facile far finta di niente, e vivere nascondendo la patologia anche a sé stessi.

Le esperienze negative di alcuni portatori di apparecchi acustici influiscono in maniera importante. Bisogna capire, però, qual è la causa dell’opinione contraria di ogni singola persona. L’idea migliore è quella di cercare un centro acustico che permetta al paziente di fare la prova gratuita della soluzione più adatta a lui, in modo tale da capire se l’apparecchio proposto va bene, oppure se è necessario cambiare tecnologia.

Per ultimo va accennato il prezzo delle protesi acustiche: nonostante il costo elevato, non è tra le motivazioni principali di non acquisto. Al giorno d’oggi, sono diversi gli aiuti economici che si possono richiedere per avere agevolazioni sui prezzi, come ad esempio il contributo da parte dell’ASL, oppure la detrazione d’imposta del 19% dell’importo speso inserendo la fattura nel modulo 730.

In sostanza, la cosa migliore per poter decidere se mettere o meno l’apparecchio acustico è scegliere un centro specializzato di fiducia: Acustica Udinese è disponibile in ogni bisogno del paziente, offrendo 30 giorni di prova gratuita dell’apparecchio acustico, e assistenza a domicilio se necessario. I nostri tecnici audioprotesisti sono a disposizione per ogni tipo di domanda e/o appoggio, anche per coloro che portano già delle soluzioni.

Ci trovate a Udine, in via Poscolle 30, e a Tarcento, in via Dante 2.